• Fabio Fimmanò

LAGO DI COMO: UN WEEKEND FUORI PORTA

Eh già, ogni anno succede.. arriva il compleanno e ti senti più vecchio!

Soprattutto dopo i 30, compiere gli anni non è più bellissimo: senti il tempo che passa, fai bilanci.. insomma, non è più il momento di estrema felicità a cui ti approcciavi da bambina.

Quest’anno però, nonostante tutto, ero davvero felice che arrivasse il 29 agosto e vi racconterò il weekendino a sorpresa che mi ha preparato Fabietto :-P


Partiamo da Parma con la mia valigia piena di cose (la maggior parte assolutamente inutili), ma non avendo idea della meta non potevo fare altrimenti! Frenare la mia curiosità fino a destinazione è stata davvero un’impresa ardua ma finalmente arriviamo al primo pit stop, e mi brillano gli occhi: siamo arrivati alle Terme QC di San Pellegrino, e non potete immaginare la mia felicità!

In effetti, sebbene le ferie siano finite da poco, avevo davvero bisogno di una giornata di relax e le terme erano davvero il perfetto mezzo per aiutarmi nel recuperare le forze.

Vi lascio il link al sito delle terme, nel caso vogliate farci un giretto!


Le Terme si presentano all'esterno come un'elegante struttura liberty, molto curata e con giardini bellissimi, ma è all’interno che incantano per le varie possibilità di relax che offrono!


Ingresso QC Terme San Pellegrino

Appena arrivati ti consegnano subito asciugamano, ciabatte, accappatoio e una scheda per chiudere il borsone nell’armadietto; dopodichè inizia il vero tour del benessere: 3 piani interi che comprendono un’ area relax (con materassi ad acqua, dondoli in cui si può lavorare ai ferri la lana, cuscinoni giganti, amache sospese), area sauna, bagno turco, piscine idromassaggio interne ed esterne, pediluvio, percorso Kneipp, docce emozionali, idrogetti.. insomma di tutto e di più.. non me ne sarei più andata!


Nel prezzo del biglietto non è compreso il pranzo buffet (22€) che però è ricchissimo e offre una grande varietà di pietanze (dalla pasta, ai salumi, yogurt, pizzette, dolcetti, frutta), mentre è compreso un ottimo aperitivo alle 17.30.

Dopo esserci rigenerati, siamo ripartiti per la seconda tappa: Bellagio!


Nonostante fossi andata varie volte in zona Como, non ero mai stata in questo splendido luogo, per cui vi consiglio davvero di farci un salto. Fabio è stato meraviglioso e ha prenotato una stanza con una vista meravigliosa sul lago. Vi lascio il link dell’hotel e una foto dello splendido panorama che potevamo vedere dalla nostra finestra:


Bellagio

Dopo aver lasciato le valigie, ci siamo preparati per una super cenetta al Ristorante La Terrazza Belvedere di cui vi lascio il link di TripAdvisor.

Devo dire che abbiamo mangiato veramente bene, ma è un posto da occasione :)


Dopo la cena, abbiamo fatto un giretto serale per la bellissima Bellagio: ci siamo persi nelle ripide stradine, abbiamo sbirciato all’interno dell’hotel 5 stelle Villa Serbelloni e abbiamo passeggiato sul lungo lago.







Insomma serata molto piacevole e tranquilla, ma rientrare in hotel è stato veramente un piacere: dalla nostra terrazza la vista sul lago di notte era a dir poco magica!!


Il giorno successivo la sveglia è suonata presto (circa le 7:00) e dopo una buona colazione siamo partiti per il giro delle isole (prenotato direttamente in loco); ci avevano detto che per trovare parcheggio di domenica a Bellagio era fondamentale partire massimo entro le 08:00, e così abbiamo fatto.

Con il senno di poi abbiamo fatto davvero bene in quanto siamo riusciti a trovare un’area di sosta vicino alla discoteca, completamente gratuita!

Ci siamo poi diretti al punto vendita dei biglietti dei traghetti e abbiamo comprato per 30€ complessivi, un biglietto multitratta che dava la possibilità di vedere Bellagio, Varenna e Menaggio (le tre perle del lago di Como).


Il primo approdo è stato a Varenna, un piccolo borgo di pescatori da inserire assolutamente tra le “cose da non perdere” del lago di Como. Questo paesino ha un bellissimo centro storico che parte dalla piazza antistante la Chiesa di San Giorgio, antico foro romano, e che scende per le strette viuzze e scalinate verso il lungolago.


Varenna

Bar, ristoranti e negozi si affacciano sulla passeggiata a lago, prima che inizi la stupenda “passeggiata dell’amore”; noi da bravi innamorati l’abbiamo percorsa quasi tutta ammirando dall’alto anche i giardini di Villa Monastero (non avevamo tempo per fare una visita più approfondita, ma probabilmente meritava!!).


Villa Monastero, Varenna



Ci siamo poi persi tra le stradine ripide, il molo e abbiamo mangiato un buon gelato che ci ha rifocillato.


Successivamente siamo ripartiti alla volta di Menaggio un paesino molto carino che offre un elegante lungolago con sullo sfondo Bellagio. Aiuole fiorite, palme e una ringhiera in ferro battuto con raffinati ghirigori per assaporare il lago in un contesto raffinato e tranquillo.



Menaggio

Purtroppo in due giorni non si poteva fare di più dato che ci sono altri piccoli paesini da scoprire sul Lago... ma questi posti ti lasciano davvero la voglia di tornarci: lo faremo sicuramente presto!

0 visualizzazioni
Chi Siamo?

Eccoci qui: siamo Fabio ed Elisa e raccontarci non è semplice, ci sarebbe troppo da dire.. vi basti sapere che amiamo viaggiare, lo facciamo da sempre e da quando ci conosciamo amiamo soprattutto farlo insieme!

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now